Home » Quando andare in Egitto: scopri il fascino millenario!

Quando andare in Egitto: scopri il fascino millenario!

L’Egitto è una destinazione affascinante che offre una vasta gamma di attrazioni storiche, culturali e naturali. Quando pianifichi il tuo viaggio in Egitto, è importante considerare il momento migliore per visitare il paese, considerando sia il clima che le attrazioni disponibili.

Una delle migliori stagioni per visitare l’Egitto è l’inverno, da novembre a febbraio. Durante questo periodo, il clima è mite e piacevole, con temperature medie che oscillano tra i 20 e i 25 gradi Celsius. Questo è anche un periodo in cui molti eventi culturali e festival si svolgono nel paese, offrendo ai visitatori l’opportunità di immergersi nella cultura egiziana.

La primavera, da marzo a maggio, è un’altra buona stagione per visitare l’Egitto. Le temperature sono più calde rispetto all’inverno, ma ancora sopportabili, con una media di 25-30 gradi Celsius. Questo è un momento ideale per esplorare i siti archeologici, come le piramidi di Giza e la Valle dei Re, senza dover affrontare le folle dei turisti estivi.

L’estate, da giugno a settembre, può essere molto calda in Egitto, con temperature che superano spesso i 40 gradi Celsius. Mentre alcune persone possono preferire visitare il paese durante questa stagione per approfittare delle tariffe alberghiere più basse, è importante tenere presente che il caldo estremo potrebbe rendere scomode le visite turistiche all’aperto. Se decidi di visitare l’Egitto in estate, è consigliabile pianificare attività indoor o visitare le città costiere, come Hurghada o Sharm el-Sheikh, dove è possibile fare immersioni o rilassarsi in spiaggia.

Per raggiungere l’Egitto, ci sono diverse opzioni di trasporto disponibili. Il modo più veloce ed efficiente per raggiungere l’Egitto è l’aereo. I principali aeroporti internazionali del paese si trovano a Il Cairo, Sharm el-Sheikh e Hurghada, e sono ben collegati con molte città in tutto il mondo.

Se preferisci viaggiare via terra, è possibile raggiungere l’Egitto in autobus da paesi confinanti, come Israele o la Giordania. Tuttavia, questa opzione potrebbe richiedere più tempo e potrebbe essere soggetta a controlli di sicurezza aggiuntivi.

In conclusione, il momento migliore per visitare l’Egitto dipende dalle tue preferenze personali e dalle attività che desideri svolgere. L’inverno e la primavera offrono temperature piacevoli e una vasta gamma di eventi culturali, mentre l’estate potrebbe essere più adatta per coloro che cercano tariffe alberghiere più convenienti. Indipendentemente dalla stagione scelta, l’Egitto offre sempre una ricca esperienza di storia, cultura e bellezze naturali.

quando andare in Egitto: cosa vedere

Se stai pianificando un viaggio in Egitto e vuoi sfruttare al massimo la tua visita, ecco un itinerario raccomandato per vedere alcune delle attrazioni più belle del paese.

Inizia il tuo viaggio a Il Cairo, la capitale dell’Egitto. Qui potrai visitare le famose piramidi di Giza, tra cui la Grande Piramide di Cheope, la Piramide di Chefren e la Piramide di Micerino. Non perderti la Sfinge di Giza, con il suo enigmatico sorriso. Potrai anche esplorare l’antica necropoli di Saqqara, dove si trova la famosa Piramide a gradoni del faraone Djoser.

Dopo Il Cairo, prendi un volo per Luxor, una città situata sulle rive del fiume Nilo. Luxor è il punto di partenza ideale per esplorare la Valle dei Re, dove sono sepolti molti faraoni dell’Antico Egitto, tra cui Tutankhamon. Visita anche il Tempio di Karnak, uno dei più grandi complessi di templi dell’Antico Egitto, e il Tempio di Luxor, che offre uno spettacolare scenario notturno.

Successivamente, prendi una crociera sul Nilo da Luxor ad Aswan. Questa è un’esperienza unica per ammirare i panorami mozzafiato del fiume e visitare i siti archeologici lungo la strada. Fai una sosta al Tempio di Edfu, dedicato al dio Horus, e al Tempio di Kom Ombo, dedicato a Sobek e Haroeris. Arrivato ad Aswan, visita l’imponente diga di Aswan e l’elegante Tempio di Philae, dedicato alla dea Iside.

Dopo Aswan, fai una deviazione verso Abu Simbel, situato a sud della città. Qui potrai ammirare i magnifici templi scavati nella roccia costruiti dal faraone Ramses II. Il Tempio di Abu Simbel è stato spostato di circa 65 metri per preservarlo dagli effetti dell’inondazione del lago Nasser.

Ritorna ad Aswan e prendi un volo per Hurghada o Sharm el-Sheikh sulla costa del Mar Rosso. Qui potrai rilassarti in spiaggia, fare immersioni o snorkeling per esplorare i meravigliosi coralli e la vita marina.

Infine, rientra a Il Cairo per visitare il Museo Egizio, che ospita una vasta collezione di reperti dell’Antico Egitto, tra cui i tesori di Tutankhamon.

Questo itinerario ti permetterà di vedere alcune delle attrazioni più iconiche dell’Egitto, dalle piramidi di Giza ai templi di Luxor, passando per il Nilo e le meraviglie del Mar Rosso. Ricorda di pianificare il tuo viaggio in base alla stagione migliore per visitare l’Egitto, per goderti al massimo la tua esperienza.

Consigli e cosa mettere in valigia

Quando si pianifica un viaggio in Egitto, ci sono alcuni consigli utili che si possono seguire per assicurarsi di fare una visita piacevole e confortevole. Iniziamo con la scelta del periodo migliore per visitare il paese. Come accennato in precedenza, l’inverno (da novembre a febbraio) e la primavera (da marzo a maggio) sono generalmente considerati i periodi migliori per visitare l’Egitto, poiché il clima è mite e le temperature sono piacevoli.

Prima di partire per l’Egitto, è importante consultare il sito web del Ministero degli Esteri del proprio paese per verificare le informazioni sulle condizioni di viaggio e sulle raccomandazioni di sicurezza. È anche consigliabile contattare l’ambasciata o il consolato egiziano nel proprio paese per ottenere ulteriori informazioni e assistenza.

Per quanto riguarda cosa mettere in valigia, il clima in Egitto può variare a seconda della stagione e della regione che si visita. È consigliabile portare abbigliamento leggero e traspirante, come pantaloni leggeri, gonne lunghe e camicette di cotone, per affrontare le temperature calde durante il giorno. È anche consigliabile portare un cappello, occhiali da sole e crema solare per proteggerti dai raggi del sole.

Tuttavia, è importante ricordare che l’Egitto è un paese conservatore e che ci sono luoghi sacri e siti religiosi che richiedono un abbigliamento più modesto. Pertanto, è consigliabile portare anche abiti che coprano le spalle e le ginocchia per poter visitare questi luoghi senza problemi.

Per quanto riguarda le calzature, è consigliabile portare scarpe comode da passeggio, soprattutto se si ha intenzione di visitare siti archeologici come le piramidi di Giza o la Valle dei Re, che richiedono un po’ di camminata.

Infine, è sempre consigliabile portare con sé una bottiglia d’acqua riutilizzabile per rimanere idratati durante il viaggio, poiché l’Egitto può essere caldo e secco.

Seguendo questi consigli utili e preparandosi adeguatamente, sarai pronto per affrontare il tuo viaggio in Egitto e goderti tutte le meraviglie che il paese ha da offrire.

Editore